studio dentistico

dott. Mario Caforio

medico chirurgo odontoiatra

Chirurgia Orale

La chirurgia odontostomatologica (o chirurgia orale) si occupa di tutti quegli interventi che avvengono nel cavo orale e che interessano sia i tessuti duri, sia i tessuti molli, comprese, ovviamente tutte le estrazioni dentarie semplici e complesse. Solo per portare alcuni esempi, poiché una spiegazione esauriente sarebbe alquanto articolata e lontana dagli interessi di non professionisti, posso accennare ad alcune branche chirurgiche di cui si compone la chirurgia orale:

Chirurgia Estrattiva

Comprende l’estrazione dei denti e/o radici in inclusione osteomucosa parziale o totale.

Chirurgia Endodontica

(ad es. le apicectomie) è chirurgia orale e si occupa del trattamento delle lesioni di origine endodontica che non possono essere trattate con la terapia endodontica convenzionale. La sua attenzione si focalizza, tra le altre cose, sulla sigillatura dello spazio endodontico attraverso un lembo chirurgico.

Chirurgia Pre-Protesica

Si possono eliminare e/o correggere condizioni anomale, sia della gengiva che delle ossa mascellari, prima di installare nel paziente una protesi fissa o MOBILE. Possono essere utilizzate membrane ed innesti di osso del paziente o di materiale sintetico biocompatibile.

Conservativa

L'odontoiatria conservativa si occupa della cura dei denti cariati, delle procedure per l'eliminazione della carie e di quelle relative alla chiusura delle cavità risultanti dall'eliminazione dello smalto e della dentina cariata, tramite l'utilizzo di appositi materiali. Le carie possono essere superficiali o profonde. Nel primo caso ci si limita ad asportare parte della dentina e dello smalto interessati dalla carie, otturando il dente con appositi materiali (amalgama d'argento o COMPOSITI). L'uso delle amalgame d'argento è stato sostituito ormai dai materiali COMPOSITI che per le loro caratteristiche adesive permettono una preparazione della cavità cariosa meno ampia rispetto all'uso dell'amalgama che richiedeva cavità dalle caratteristiche particolari perché fossero ritentive. Nelle carie profonde vi può essere un interessamento della polpa del dente, contenente anche le fibre nervose, e allora si ricorre alla cura canalare detta anche devitalizzazione oppure endodonzia.

Endodonzia

Con il termine endodonzia si intende quella branca dell'odontoiatria che si occupa della terapia dell'endodonto, ovvero lo spazio all'interno dell'elemento dentario, che contiene la polpa dentaria, costituita da componente cellulare, vasi e nervi. Si ricorre alla terapia endodontica qualora una lesione cariosa o traumatica al dente abbia determinato una alterazione irreversibile del tessuto pulpare, fino alla necrosi dello stesso. È possibile inoltre ricorrere a questa metodica qualora l'elemento dentario debba essere coinvolto in riabilitazioni protesiche che, a causa della notevole riduzione di tessuto dentale stesso, determinerebbero con alta probabilità un'alterazione pulpare irreversibile.

Igiene Dentale

Igiene orale e profilassi Per igiene orale si intende la pulizia della cavità orale, cioè tutte quelle corrette manovre, siano esse a livello domiciliare che a livello professionale.

Igiene Orale Domiciliare

Come suggerisce il termine l’igiene orale consta di tutte quelle manovre che andrebbero eseguite a livello domiciliare al fine di garantire un livello di igiene compatibile con il benessere e la salute del cavo orale. Una buona igiene orale è garantita da un corretto spazzolamento in senso gengivo-dentale (da rosa a bianco) delle superfici dentali esterne ed interne, nonché della superficie occlusale. Passaggio successivo è l'utilizzo del filo interdentale in modo da detergere gli spazi tra un dente e l'altro. Da ultimo, ma non meno importante, è la detersione della superficie linguale che per la sua conformazione trattiene parecchi residui alimentari e batteri, predisponendo allo sviluppo di una alitosi.

Igiene Orale Professionale

Con questo TERMINE vengono indicate tutte quelle manovre praticate dal professionista (medico dentista, odontoiatra o igienista dentale) al fine di eliminare tutti i residui accumulatisi nel tempo in seguito igiene orale domiciliare insufficiente sia in senso qualitativo che quantitativo. Va comunque aggiunto che, quasi sempre il normale spazzolamento, non consente un’accurata pulizia delle superfici posteriore degli incisivi inferiori e delle pareti dentali interprossimali (tra un dente e l’altro). Quindi in QUESTE zone si accumula rapidamente placca e tartaro che possono essere rimossi solo con una pulizia professionale.

Ortodonzia

L'ortodonzia é il settore dell'odontoiatria che si occupa della diagnosi, della prevenzione e della cura delle malocclusioni, presenti qualora vi sia una cattiva relazione di combaciamento fra l'arcata dentaria superiore (mascellare) e quella inferiore (mandibolare). Le malocclusioni sono prodotte da anomalie della posizione e dello sviluppo dei denti (disallineamento DENTALE) e da alterazioni costituzionali delle ossa mascellari e mandibolari. Obiettivo dell'ortodonzia é trattare e correggere tali anomalie che possono avere ripercussioni importanti sia a livello funzionale che estetico, inducendo disturbi a carico della muscolatura masticatoria e delle articolazioni temporo-mandibolari. Le malocclusioni dentali inoltre (anche in situazioni di compromissione non GRAVE), provocano significative alterazioni dell'equilibrio fra struttura DENTALE, strutture ossee, muscolari e tendinee ad essa collegata e sistema neuromuscolare e osteoarticolare. Ciò significa che le patologie occlusive possono agire negativamente a livello della colonna vertebrale e a livello cranico, provocando cefalee, squilibri posturali, algie cervicali e vertebrali, disturbi della VISTA e dell'udito. L'ortodonzia moderna non si limita dunque al corretto allineamento dei denti ma promuove il raggiungimento di un equilibrio ottimale fra efficienza della masticazione, salute dentale, estetica del sorriso e benessere complessivo del paziente.

Parodontologia

La parodontologia è una branca dell'Odontoiatria che studia i tessuti del parodonto e le patologie ad esso correlate. Il parodonto è costituito gengiva, osso alveolare, cemento radicolare (tessuto che ricopre la radice del dente), legamento parodontale. La parodontologia si occupa quindi dell'insieme dei tessuti molli (il legamento periodontale e la gengiva) e duri (cemento e tessuto osseo alveolare) che circondano il dente e che assicurano la sua stabilità nell'arcata alveolare. La parodontologia, si occupa anche delle malattie che interessano il parodonto, queste vengono chiamate genericamente malattie parodontali o parodontopatie, o piorrea (TERMINE storico oggi ancora utilizzato nella popolazione). Esse sono le parodontiti e le gengiviti.

Pedodonzia

La Pedodonzia è quella branca dell’ odontoiatria che si occupa del trattamento dei bambini e degli adolescenti. Un approccio sin dai 3-4 anni di età con la figura di un odontoiatra è importante per stabilire con i bambini un rapporto di fiducia e superare gli stati di ansia e i blocchi psicologici. Nel nostro studio ogni bambino viene inserito in un programma di prevenzione della carie attraverso l esecuzione di sigillature, di fluoroprofilassi e richiami periodici di igiene. Cosa sono le sigillature? Le sigillature sono una metodica di prevenzione della carie che agisce a livello dei solchi e delle fossette degli elementi dentali posteriori (premolari e molari permanenti), di difficile detersione, dove più facilmente si annidano BATTERI e si deposita la placca dentale.

Protesi Dentale

La protesi dentale è un manufatto, realizzato per mano di specialisti in Odontotecnica, utilizzato per rimpiazzare la dentatura originaria persa o compromessa per motivi funzionali e/o estetici. Si definisce anche protesi dentaria la parte dell'odontoiatria che si occupa della progettazione e costruzione di protesi, rispettando i seguenti requisiti: Funzionalità: riguarda il ristabilimento della corretta masticazione e delle funzioni articolari (apertura, chiusura, lateralità destra-sinistra, protrusione-retrusione e la corretta fonetica). Resistenza: la protesi deve resistere al peso del carico masticatorio e all'usura dei liquidi buccali.

Radiologia Digitale

Per una corretta diagnosi è necessaria la strumentazione adatta, dotata della potenza e della risoluzione necessarie per non generare falsi radiografici od artefatti. Allo stesso tempo è doveroso limitare al massimo l’esposizione dei pazienti alle radiazioni. Questo è possibile solo grazie ad una strumentazione molto efficiente, progettata per non recare danno al paziente. Le vecchie radiografie analogiche, sviluppate su pellicola, richiedevano una grossa quantità di raggiX per riuscire ad impressionare la lastra radiografica. Con l’avvento del digitale le radiazioni necessarie perchè il sensore riesca a captare l’immagine sono notevolmente diminuite. Il nostro panoramico digitale fa un ulteriore passo avanti nella tecnologia diagnostica digitale ed è in grado di catturare il 90% della radiazione in più rispetto ad un normale panoramico digitale. Questo si traduce in immagini nitide, senza falsi e soprattutto in una esposizione alle radiazioni ridotta fino a 10 volte rispetto ad una radiografia panoramica tradizionale.

© Mario Caforio 2014 - Tutti i diritti riservati. Medico Stomatologo Uboldo